Salta al contenuto principale
Inviato da adminCB il 28 May 2020
Guanciale

Come viene suggerito dal nome con cui è più diffusamente conosciuto, il guanciale di maiale si ricava dalla guancia del suino: informazione particolarmente rilevante, poiché, infatti, ci permette di distinguerlo, in modo definitivo, dalla “Pancetta” con cui molto spesso viene confuso e che, invece, come è facilmente intuibile, si ottiene dal ventre del maiale.

La consistenza della sua carne, l’intensità che lo caratterizza dal punto di vista organolettico, l’alta qualità della golosissima parte grassa sono inconfondibili doti che gli permettono di essere da sempre l’ingrediente più prelibato e di prima scelta nella creazione di primi piatti della tradizione regionale, così come viene espressamente indicato in alcune ricette, a cominciare da quella della famosissima “Amatriciana”.

 

 

 

 

Categoria
Salumi